Part of BillOver 3.0

Articoli

3 consigli per far parlare i tuoi abiti

Sai cos’è la percezione?

Per definizione la PERCEZIONE è il processo mediante cui le informazioni dell’ambiente esterno vengono raccolte ed organizzate in schemi, oggetti, situazioni che assumono un certo significato per l’individuo che percepisce.

Esiste una teoria della forma, o Gestalt, che afferma che le nostre non sono esperienze frammentate o semplici somme di piccole parti, ma esperienze strutturate. 

Ciò significa che nel momento in cui percepiamo un certo numero di stimoli non analizziamo i singoli dettagli uno ad uno, ma generiamo conoscenze o pensieri basandoci sulla percezione totale.

Sono numerose le leggi che regolano la percezione, tra queste vi è la legge dell’esperienza passata secondo cui elementi che per la nostra esperienza passata sono abitualmente associati tra di loro tendono ad essere uniti in forme.

La tendenza è quella di cogliere una serie di elementi semplici come una forma complessa, in base alle esperienze pregresse.

Ciò vale per le percezioni degli stimoli colti dagli organi di senso (vista, tatto, udito, olfatto, gusto) e per quelle che riguardano la realtà sociale.

La percezione è influenzata non solo dalle esperienze passate ma anche dalle credenze e dalle emozioni, ossia dallo stato emotivo in cui il soggetto si trova nel momento in cui viene in contatto con un segnale sensoriale.

Come si manifesta?

Colori, forme degli abiti, materiali non sono degli elementi statici, immutabili e che suscitano le stesse reazioni in tutti noi. Ad essi sono associati concetti, credenze, memorie personali; ecco perché sono percepiti in maniera diversa da diversi individui. 

Tuttavia, indipendentemente dalle credenze individuali, ci sono oggetti/stimoli associati a significati conosciuti e condivisi a livello generale.

È possibile utilizzare questi elementi del codice d’abbigliamento per auto percepirsi, quindi esperire determinate emozioni e influenzare il comportamento, e farsi percepire dagli altri in un certo modo.

Una borsa con i colori rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola potrebbe essere una semplice borsa con quei colori.

L’accostamento di queste sei tonalità in realtà individua quello che è conosciuto come “motivo arcobaleno” e che da anni è considerato simbolo del movimento LGBTQ+.

Anche Bill ha scelto i colori arcobaleno per il suo merchandising

Un oggetto può farti sentire importante 

Indossare quella borsa significa così sentirsi parte di un gruppo, sostenerlo e acquisire sicurezza in sé in quanto ci si percepisce coerenti al proprio pensiero.

Allo stesso tempo permette di comunicare anche agli altri la propria ideologia, una parte del proprio essere. Una borsa a colori per dire ciò che si pensa senza bisogno di parlare. Chi guarda infatti, attraverso uno stimolo visivo (la borsa), ripesca una marea di significati associati ad essa e che collega alla persona che la indossa.

Mediante l’osservazione di colori, abiti, accessori influenziamo la percezione che abbiamo di noi stessi ma anche il modo in cui gli altri ci percepiscono e ci “categorizzano”.

Ecco cosa puoi fare ogni giorno

 

1)  Scegli 

In base a quello che devi affrontare nella giornata scegli il giusto abbigliamento così da comunicare il giusto messaggio. Questo non vuol dire rinunciare alla personalità, quanto semplicemente utilizzare uno strumento fisiologico come quello della percezione.

Ricorda che la camicia è “determinazione” “lavoro” “managerialità” “fiducia”, quindi sarà uno dei capi da scegliere se bisogna affrontare un colloquio di lavoro, un esame o subire una valutazione.

 

2)  Ascolta

Poni attenzione alle emozioni/sensazioni che determinate percezioni sensoriali ti suscitano e sfruttale a tuo vantaggio. Ad esempio, se c’è un profumo che fa sentire a proprio agio, più sicuri di noi, che dà la sensazione di espandere il nostro spazio, deve essere indossato in occasione di ogni evento importante. 

 

3)  Esprimi  

Tieni sempre in considerazione anche il punto di vista altrui. Vuoi esprimere il tuo lato infantile anche durante un colloquio di lavoro in banca? Punta su accessori poco visibili agli altri, che quindi non vanno a distorcere negativamente la loro percezione. L’importante è che tu sappia di indossarli e che ti senta coerente.

Related posts
Articoli

Quando a sembrare italiani si fa bella figura: il fenomeno dell’Italian Sounding

Articoli

Digital detox: la nostra esperienza di un weekend offline

Articoli

Notte Europea dei Ricercatori a Torino: ci sono anche gli Unfluencers

Articoli

Quando il tuo unico azionista ora è il Pianeta: il caso Patagonia

Rispondi