Part of BillOver 3.0

Articoli

Con la sua laurea Sammy Basso ci insegna a credere e vincere

“Lottare” è la parola chiave di questa notizia

Sammy Basso ha conseguito la laurea magistrale in Molecular Biology, presso l’Università di Padova, con una tesi intitolata “Crosstalk between Lamin A and Interleukin 6 under stress conditions and in premature ageing (Diafonia tra Lamina A e Interluchina 6 in condizioni di stress e in caso di invecchiamento precoce).

La laurea si è volta in modalità telematica, ed è stata trasmessa in diretta sul canale youtube del Dipartimento di Biologia.

 

Dopo aver seguito il corso di Cell Biology tenuto dalla Prof. Chiara Rampazzo, ha svolto il suo tirocinio con la Dott.ssa Lattanzi e la Dott.ssa Capanni, che studiano la progeria presso l'Istituto di Genetica Molecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bologna.

 

La storia di Sammy

Sammy è nato il 1 dicembre 1995 a Schio, in Veneto, con una rarissima malattia che colpisce 1 bambino ogni 4-8milioni, al mondo ne sono affette circa 70 persone. Si tratta della progeria, dal greco “prematuramente vecchio”, o sindrome di Hutchinson-Gilford, ed è la sindrome genetica che causa invecchiamento precoce nei bambini.

Alla sua nascita, avvenuta tre settimane prima del termine, non presentava alcun segno della malattia. Solo dopo due anni ed innumerevoli controlli, i genitori lo hanno sottoposto ad un controllo genetico, venendo a conoscenza della diagnosi.

La progeria allora era una malattia molto poco conosciuta e di cui non si conosceva alcuna cura.

Grazie a svariate ricerche su internet, la famiglia di Sammy trovò un’associazione americana che si occupa della ricerca su questa sindrome, la Sunshine Foundation, e cominciò a partecipare agli incontri annuali organizzati per le famiglie di tutto il mondo. 

Durante il primo viaggio negli Stati Uniti, i genitori di Sammy hanno avuto occasione di conoscere quelli di Sam Berns, un altro ragazzo affetto da progeria, a cui si deve la istituzione della Progeria Research Foundation. In quell’occasione, la famiglia Basso ha contribuito all'attivazione di una banca di linee cellulari, a cui può attingere chi intende effettuare ricerche sulla progeria. 

Grazie a questa disponibilità, e al progredire degli studi, si è giunti alla scoperta del gene interessato alla mutazione responsabile della progeria (gene LMNA ndr.)

Quando la volontà diventa uno stimolo per superare problemi

Nel 2005 Sammy, interessato ad aumentare la consapevolezza e la sensibilità sulla sua malattia, ha richiesto la fondazione dell’Associazione Italiana Progeria Sammy Basso. 

I ricavi da essa ottenuti sono destinati in parte al finanziamento della ricerca dell’Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Bologna ed in parte alle associazioni americane. 

Negli anni sono stati organizzati diversi incontri, abbracciando più categorie ed istituzioni, come ad esempio incontri formativi nelle scuole.

Grazie ai progressi fatti, la conoscenza di questa sindrome aumenta via via con la diffusione di informazioni al riguardo e soprattutto con l’aumentare della speranza per tutti i bambini che ne sono affetti. 

Per il merito dell’impegno nella ricerca e nella lotta contro la progeria, il 7 giugno 2019, Sammy Basso è stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Rpubblica, dal Presidente Sergio Mattarella. 

Sammy è diventato testimonial di diverse iniziative benefiche. Qualche anno fa, ha documentato le esperienze del suo viaggio negli USA, fatto dopo il conseguimento della maturità scientifica, scrivendo un libro “Il viaggio di Sammy” e registrando una serie di episodi per il canale Nat Geo People di Sky.

Related posts
Articoli

Quando a sembrare italiani si fa bella figura: il fenomeno dell’Italian Sounding

Articoli

Digital detox: la nostra esperienza di un weekend offline

Articoli

Notte Europea dei Ricercatori a Torino: ci sono anche gli Unfluencers

Articoli

Quando il tuo unico azionista ora è il Pianeta: il caso Patagonia

Rispondi