Part of BillOver 3.0

Articoli

Cos’è un vocabolario olfattivo?

L’olfatto

è sicuramente il senso più personale ed emotivo di cui disponiamo.

“Il senso che sfugge”, così lo ha definito Paola Bottai. Se infatti abbiamo a disposizione un dizionario che ci permette di descrivere tutto ciò che vediamo, tocchiamo, sentiamo e assaggiamo, lo stesso non vale per quello che annusiamo. 

Descrivere una fragranza non è facile perché non abbiamo un vocabolario olfattivo preciso che ci permetta di descrivere in ogni suo dettaglio un odore. 

Solitamente ricorriamo a nostri ricordi, perché è molto più semplice descrivere una sensazione provocata, piuttosto che l’odore in sé. 

Gli odori

hanno un alto contenuto emozionale. La mancanza del vocabolario olfattivo potrebbe anche essere data dal fatto che l’associazione odore-emozione avviene grazie all'anatomia stessa del cervello: il messaggio odoroso viene inviato al sistema limbico dove vi sono l'amigdala, coinvolta nell'elaborazione emotiva e nell'apprendimento di associazioni rilevanti di tipo emotivo, e l'ippocampo che contribuisce alla formazione e al consolidamento dei ricordi.

Si trovano entrambi nella parte destra del cervello poco collegata al linguaggio e dalla motricità grossolana. Per noi è importante a livello evolutivo capire da dove arrivi un odore piuttosto che dargli un nome, così da scappare in caso di pericolo.

Quando viviamo un'esperienza toccante, se c'è un odore particolare, il nostro cervello assocerà odore ed emozione. Quando sentiremo quell'odore, da solo, sarà in grado di rievocare l'evento emozionale, che sembrerà appunto vero, vivido, reale e tangibile. Un odore è infatti effimero.

Per aiutarci nella descrizione di una fragranza sono state introdotte le famiglie olfattive, che definiscono il carattere del profumo dandogli una descrizione olfattiva.

 

Alcuni esempi di famiglie olfattive:

Agrumata/Esperidata . Limone, arancia, sanguinella, arancia amara, limonetta

Aromatica. Lavanda, basilico, dragoncello, finocchio

Marina. Principalmente materie prime di sintesi, ozoniche, marine

Fiorita. Suddivisa in fiori freschi: rosa, mughetto, neroli, fresia, fiori ricchi: Ylang-ylang, tuberosa, gelsomino

Verde. Galbano, foglie di violetta

Fruttata. Frutti gialli, rossi, croccanti, esotici, verdi, acquatici

Speziata. Cumino, coriandolo, cannella, pepe nero

Legnosa.Mirra, incenso, sandalo, legno di cedro

Fougère. Accordo costruito attorno a lavanda, geranio, muschio di quercia, vetiver e cumarina

Chypre. Accordo costruito attorno a bergamotto, rosa, gelsomino muschio di quercia, labdano, patchouli

Cuoio. Zibetto, Castoreum, Indolo, Tabacco, Betulla, Cuoio

Gourmand. Vaniglia, Vanillina

Orientale. Accordo costruito con fava tonka, benzoino, balsamo del Perù, stirax e opoponax

Ambrata. Ambra grigia, balsamo del Perù….

Talcata/Cipriata. Iris, Fava Tonka, Cumarina, Carota

Muschiata. Musk ketone, Muscone

Senza voler fare pubblicità ai miei corsi, vi consiglio di partecipare a un percorso olfattivo per imparare a riconoscere la composizione dei profumi. Quando si inizia a riconoscere una fragranza per la sua combinazione, è come se si iniziasse ad apprezzarne non solo l’essenza, ma anche tutto il lavoro che c’è dietro al risultato. 

Related posts
Articoli

Quando a sembrare italiani si fa bella figura: il fenomeno dell’Italian Sounding

Articoli

Digital detox: la nostra esperienza di un weekend offline

Articoli

Notte Europea dei Ricercatori a Torino: ci sono anche gli Unfluencers

Articoli

Quando il tuo unico azionista ora è il Pianeta: il caso Patagonia

Rispondi