Part of BillOver 3.0

Articoli

I regali perfetti da NON fare a Natale

Meglio sapere prima dunque quali sono gli errori da non commettere quando ci si accinge a compiere l’ardua impresa natalizia.

Non regalare mai l'oggetto “tanto lo vogliono tutti”

Questo regalo è pessimo per chi lo fa e per chi lo riceve. Chi lo fa agisce in base ad una categorizzazione e dimostra di non far caso alle peculiarità della persona cui lo destina. Come chi, comprando qualcosa per unragazz di 15/16 anni, chiede al seller “che si regala a un ragazzetto di st’età? Una cosa che piace a tutti dai”, presumendo che gli adolescenti siano un ammasso di intelletti uniforme, senza gusti personali o caratteristiche di personalità definite.

È pessimo per chi lo riceve in quanto se è un regalo “ndo cojo cojo”, tutti, compreso il ricevente, lo percepiscono come qualcosa si di bello ma, data la connotazione sociale che gli è stata attribuita, fondamentalmente anonimo. Ricevere questo tipo di regalo fa sentire depauperati della propria identità, incasellati in una personalità di massa; inoltre denota una profonda mancanza di ascolto e comprensione.

Mi spiego. A 15 anni ero una dark punk. Il mio look base era costituito da jeans neri, t-shirt nera, anfibi neri e accessori con borchie. Se qualcuno mi avesse regalato la Mini Jodie di Bottega in rosa baby probabilmente non gli avrei più rivolto la parola.

Non regalare qualcosa che piace a te

Ricorda che il regalo non lo devi usare tu, ma la persona che lo riceve. Motivo per cui non deve piacere a te, ma deve piacere a lei/lui. Un dono simile potrebbe essere interpretato come il tentativo di imporre il tuo modo di essere e di sentire all’altro. Oppure può essere recepito come comunicazione di come dovrebbe essere/comportarsi o come una imposizione/suggerimento non richiesto.

Un’amica una volta mi ha regalato una collana maxi con delle pietre molto grandi, il suo stile. Ed è questo che vidi: il SUO stile, non il MIO. Anche in questo caso chi riceve il regalo può sentirsi poco accettato e per nulla ascoltato.

Non regalare qualcosa “tanto per”

Unica eccezione: il classico calzino regalato dai nonni e la bustina di tisana ad effetto sgonfiante, che ormai fanno parte integrante degli addobbi di Natale. Se devi regalare qualcosa “tanto per”, evita! E questo non vale solo per Natale ma per qualsiasi altra ricorrenza.

Mi riferisco a quei doni impersonali scelti basandosi su criteri propri di chi compra e non considerando i gusti e i desideri di chi li scarterà. In questa categoria rientrano anche i regali in serie, del tipo “gruppo collegh uni/ gruppo amic del libro/ gruppo genitori”. Una delle mie migliori amiche (meno male!) una volta regalò a tutto il gruppo università dei mini profumi per la macchina alla vaniglia. Io ho un rapporto molto particolare con gli odori e chi mi conosce bene lo sa. Un po’ recalcitrante provai a mettere quella boccetta in macchina. Non ricordo di aver mai avuto un mal di testa più forte.

Sai cosa puoi regalare a Natale?

Un oggetto, una experience, qualcosa che faccia capire all’altr di essere ascoltat, accettat e compres. E la scusa “non dice mai quello che vuole” non vale. Seminiamo indizi di ciò che ci piace, che ci servirebbe, che non abbiamo la forza di comprare/fare da soli in ogni frase che pronunciamo. Bisogna SOLO fare un po’ più di attenzione e non essere concentrati esclusivamente su se stessi.

Non posso lasciarti senza due suggerimenti validi sui regali DA FARE. Il primo è estremamente funzionale all’espressione delle emozioni meno piacevoli e al benessere, proprio ed altrui. Si tratta della Anger Rooms, una sala attrezzata ed insonorizzata in cui puoi scegliere un set di oggetti da distruggere (possono essere anche di tua proprietà), lo strumento con cui farlo e la musica con cui accompagnare il tuo sfogo. Tradotto: un paradiso in terra dove essere Hulk per 15 minuti. È un regalo che fa bene a sé perché permette di liberare tutte quelle emozioni che siamo soliti comprimere nel nostro personale vado di Pandora e fa bene anche agli altri. Se incontrassi il tassista che l’altro giorno ha preso a numerose male parole, accompagnate da pugni qua e là, un povero signore che non riusciva a passare in un vicolo, non avrei dubbi sul regalo da fargli. Le Anger Rooms sono disponibili per il momento a Milano e Torino.

Se la tentazione di fare regali inutili ma divertenti è troppa TroppoTogo è il sito giusto! Ditemi come si potrebbe rifiutare la spatola ornitorinco o chi non regalerebbe questo zerbino e una videocamera solo per filmare i propri amici urlare “DIN DON”dietro la porta di casa!

Su questo sito si trovano anche idee regalo personalizzabili e molto belle, sempre che sia chiaro a chi regalare, e cosa.

So che può sembrare faticoso…Le relazioni non sono mai una passeggiata e richiedono impegno per essere mantenute; ed essendo i regali proiezione nonché manifestazione oggettiva del legame tangibile che unisce gli individui, farli è tutto fuorché semplice.

Questo Natale sii come Anastasia, e mettici la psiche in quello che regali!

Related posts
Articoli

Guida agli Uffizi

Articoli

Parlare in corsivo: quando i boomer non capiscono i giovani

Articoli

La nascita del linguaggio umano: tra mistero e scienza

Articoli

La storia del Bikini: un indumento... esplosivo!

Rispondi