Part of BillOver 3.0

Articoli

Outside in: a Roma un murales green a difesa dell’ambiente e dei diritti LGBTQIA+

Proprio a Roma, nel quartiere San Paolo, è nato un murales in omaggio alla comunità LGBTQIA+. La street artist olandese JDL ha scelto di raffigurare il diritto alla felicità sul muro di una scuola, l’istituto tecnico Armellini, per rappresentare la storia di un secolo di battaglie e conquiste.

“Outside in” è un inno alla libertà, “la mia opera rappresenta un uomo e una donna, che si sovrappongono e si riflettono allo specchio: uno è l’altra e l’altra è l’uno, in un incontro d’amore, in un moto di accoglienza universale”, ha spiegato l’artista.

 

Sono state tantissime le lotte per la parità di diritti ma ancor di più purtroppo le sconfitte in nome della – normalità -.

Ancora oggi molti hanno difficoltà ad accettare l’esistenza di qualcosa che ritengono diverso da loro, credendo giusto invece salvaguardare una cosiddetta tradizione, un modo di essere che reputano l’unico morale ma che invece di morale non ha nulla.

Sì perché cosa ci sarebbe di corretto nel voler privare gli altri della possibilità di esprimere loro stessi e le proprie preferenze o il loro amore? Cosa c’è di bello nel sentirsi in diritto di giudicare sentendosi sempre dal lato della ragione?

Finché ci sarà vita, ci saranno diverse opinioni, ma andrebbe sempre ricordato che, sebbene esprimerle sia un diritto, non bisognerebbe mai confonderle con l’oppressione altrui.

Nessun muro si abbatte da solo

Abbattere i pregiudizi è compito di ognuno di noi e la presidentessa di Yourban2030, Veronica De Angelis, nonché capofila del progetto, sottolinea l’importanza di lottare anche per le cose che sembrano non riguardarci in prima persona perché – perché nessun muro si abbatte da solo -.

Da oggi in poi, passeggiare per San Paolo, non solo sarà più bello per gli occhi ma anche per l’aria. Riuscire ad unire la libertà d’espressione con l’arte e con la rigenerazione urbana non è semplice infatti, eppure 250 mq di vernice mangia–smog, che caratterizzano quest’opera, ci mostrano il contrario.

Quando guarderemo quest’opera ci ricorderemo di quanto sia bello “vivere e lasciar vivere”, quanto sia preziosa la diversità e quanto abbiamo da imparare gli uni dagli altri.

Perché per ogni battaglia combattuta ci sarà sempre una vittoria, e noi speriamo sia dal lato giusto.

Related posts
Articoli

Perchè mio figlio dice "Io muoro"? Ecco come imparano a parlare i bambini!

Articoli

Telegram fa educazione sessuale: EdSexBOT

Articoli

Differenza tra lingua e linguaggio: quello che forse non sapevi

Articoli

Il test dello specchio: cos'è e quali animali lo superano

Rispondi