Part of BillOver 3.0

Articoli

VIP ambientalisti: ecco chi sono i più attenti all’ecosostenibilità

La lotta contro il cambiamento climatico è fondamentale; per fortuna ultimamente anche molte celebrità hanno iniziato a dare il loro contributo, cercando di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’ambiente.

Proviamo a stilare una classifica “Top ten” delle celebrità che si interessano maggiormente alla causa ambientale.

In cima alla classifica troviamo “il bello di Hollywood”, Leonardo Di Caprio, che da oltre 20 anni si impegna a favore della protezione del pianeta, con campagne di sensibilizzazione, raccolta fondi e finanziamenti destinati ad associazioni ambientaliste. L’attore ha anche fondato la

“Leonardo Di Caprio Foundation”, il cui obiettivo è la tutela e il benessere degli abitanti di tutto il mondo.

Al secondo posto c’è il celebre attore Robert Redford, che nel lontano 1989, quando ancora si parlava pochissimo di lotta ai cambiamenti climatici, ha organizzato la prima conferenza per la protezione dell’ambiente. Ma non è tutto, l’attore fa anche parte del Consiglio per la difesa delle risorse naturali degli USA e partecipa a molti convegni sulla tutela dell’ambiente.

Sul podio non può mancare Jane Fonda, attrice che si è sempre contraddistinta per il suo coinvolgimento in molte battaglie civili e politiche e che, ispirata da Greta Thumberg, nel 2019 ha organizzato una protesta contro il cambiamento climatico di fronte al Campidoglio a Washington DC; azione che le è costata cara, finendo in manette per “dimostrazione illegale”. Tuttavia, una volta rilasciata, la caparbia e battagliera attrice ha dichiarato che non avrebbe smesso di protestare, anche a costo di essere arrestata di nuovo.

La celebre protagonista femminile di Harry Potter, Emma Watson, oltre ad essere una talentuosa attrice, è anche un’attivista per l’ambiente e convinta sostenitrice della moda eco-friendly e cruelty-free.

Nel mondo musicale troviamo invece Chris Martin, frontman dei Coldplay, che ha annunciato che non farà più concerti finché non sarà possibile renderli ecosostenibili.

Ovviamente anche nel nostro Bel paese ci sono vip attenti all’ambiente!

Jovanotti, ad esempio, ha collaborato con il WWF durante il suo tour di concerti “ Jova Beach Party”, dando un importante contributo alla campagna di lotta all’inquinamento da plastica in natura; durante i concerti infatti è stato possibile effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti e acquistare alcuni dischi  dell’artista realizzati in plastica riciclata, il cui ricavato è stato devoluto al WWF.

L’attore-regista Alessandro Gassmann è molto impegnato sul fronte dell’ecologia e sfrutta il suo successo sui social per lanciare un messaggio importante. Ogni venerdì su twitter elegge il “green hero” della settimana; i “green heros” sono persone che danno un contributo importante alla difesa del pianeta attraverso alcune personali iniziative.

La conduttrice televisiva Licia Colò è un’icona ambientalista e amante dei viaggi nel mondo; già dal 1989, anno in cui ha iniziato a fare televisione, parla delle tematiche ambientali e dei danni dell’inquinamento.

Un’attrice italiana particolarmente attenta alle questioni ambientali è Valeria Golino, che nel 2013 si è spogliata e completamente ricoperta di fango per la campagna di Greenpeace “The Fashion Duel”, il cui obiettivo era sensibilizzare le case di alta moda sul tema della tutela della natura, invitandole a proteggere le foreste e a non inquinarle.

Tra i cantanti italiani troviamo Diodato, vincitore del Festival di Sanremo 2020, che la scorsa estate è stato protagonista assieme a Daniele Silvestri del primo concerto per il clima, organizzato da Legambiente. Il cantante ha inoltre dedicato la sua vittoria sanremese a Taranto, la sua terra d’origine, ricordando la grave condizione di inquinamento in cui versa la città, a causa della presenza dell’Ilva, la più grande acciaieria d’Europa, della cui ristrutturazione o riconversione si parla da troppi anni.

Rincuora vedere la partecipazione di molte persone famose alle questioni ambientali. La celebrità in fondo può essere, oltre che un privilegio, anche un’occasione per contribuire ad un mondo migliore.

Scritto da: Beatrice Gennaro

Related posts
Articoli

Quando a sembrare italiani si fa bella figura: il fenomeno dell’Italian Sounding

Articoli

Digital detox: la nostra esperienza di un weekend offline

Articoli

Notte Europea dei Ricercatori a Torino: ci sono anche gli Unfluencers

Articoli

Quando il tuo unico azionista ora è il Pianeta: il caso Patagonia

Rispondi